Come posso iniziare

Moderatore: Marko

Avatar utente
Marko
Moderatore
Messaggi: 1040
Iscritto il: 2 feb 2012, 15:09

Re: Come posso iniziare

Messaggio da Marko » 24 gen 2020, 13:21

Domanda: quando avrai le batterie cariche e acqua calda a sufficienza, e c'è ancora molto vento,(ultimamente il vento sta diventando molto forte) come farai a fermare o controllare la rotazione delle pale del generatore? anche in condizioni di bufera, come puoi controllare il generatore? Secondo me un bel controller è d'obbligo. il xantrec non ricordo abbia il freno per eolico.

Personalmente, dovendo usare l'eolico, solo x uso acs, io avrei optato in questo inverter, che eventualmente può anche accettare le batterie, ma non necessariamente:
https://www.ebay.it/itm/2000W-Wind-Powe ... Sw3tZc3WqU
In pratica quello che produci lo metti in casa senza che vada in rete (c'è il sensore da mettere nel contatore di casa) e tutta l'energia eolica o in parte va comunque a scaldare il boiler. Io lo uso da alcuni anni con il solare e devo dire che fin'ora va da dio. ho anche le batterie e la sera in automatico entrano da sole in funzione o quando non c'è il sole.
L'energia che manca, la si prende dall'enel sino a quella che serve, esempio, se l'eolico sta producendo 900watt, il resto x scaldare l'acqua la piglia dalla rete. poi dal tastierino, puoi anche modificare tensione, corrente, batterie o non batterie......
l'inverter forse si trova anche su aliexpress a meno prezzo.

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 29 gen 2020, 19:15

Ciao Marko. Purtroppo però lo xantrex l'ho appena comprato (mi è arrivato un paio di giorni fa) quindi per ora comincio con questo. Non mi sembra abbia il limitatore... devo metterci meglio il naso ma mi pare di no.
Stavo pensando di ovviare mettendo in parallelo alle resistenze acs una stufetta tipo da camper,con interruttore, sempre 24 V, o un certo numero di lampade infrarossi, o qualcosa del genere, comunque un carico aggiuntivo da usare all'occorrenza.
Come dicevo in un precedente post, sto sperimentando per la prima volta questo sistema per cui devo regolarmi bene anch'io strada facendo. Sto aspettando che mi arrivino le ultime cose per mettere insieme tutto e provare..
L'unica cosa che mi manca all'appello e l'interruttore per disconnettere temporaneamente la pala mettendola in corto ed il collettore a spazzole. Me ne parlava Eneo ma non ho trovato granchè.. Se hai qualche dritta ti sarei grato, così come ringrazio Eneo e Ferrobattuto per i tanti consigli. Vi giuro che poi non vi stresso più..

Avatar utente
Marko
Moderatore
Messaggi: 1040
Iscritto il: 2 feb 2012, 15:09

Re: Come posso iniziare

Messaggio da Marko » 31 gen 2020, 23:26

Ho capito. Ma per esperienza diretta te lo dico. Se hai bisogno di fermare le pale, in caso di forte turbolenza, mandando in corto bruscamente il generatore, rischi di fondere l'avvolgimento del generatore. Per questo motivo ti parlavo di controller dedicati.
Poi collegare il generatore a delle resistenze acs, non so mai fatto personalmente. Fai la tua esperienza, e scrivi come sta andando. Può sempre interessare.

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 1 feb 2020, 7:27

Mi pare di capire da quello che mi dici che questo famigerato interruttore che cortocircuita il generatore, mette in corto le 3 fasi in uscita "nudo e crudo" cioè senza resistenze ne' niente.. mmmh
Giusto per capire ed a prescindere che poi lo metta o no, se è tutto qua è sufficiente un normale interruttore tripolare collegato all'uscita del generatore, le 3 fasi da una parte e ponticelli dall'altra..?
Diversamente, per fermare le pale, pensavo ad un sistema altamente tecnologico tipo ti metti davanti con un grosso lenzuolo steso e glielo lasci volar su...
A parte gli scherzi, ho capito cosa mi dici Marko e sta cosa ora me la ragiono.
Circa l'uso delle resistenze acs, l'idea è partita da me ma quando poi sono andato a vedere meglio sulle caratteristiche dello xantrex come di altri, ho visto che è una delle soluzioni consigliate dalla casa.

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 2105
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: Come posso iniziare

Messaggio da eneo » 5 feb 2020, 11:58

Visto che devi realizzare le parti mancanti del generatore, puoi costruire la coda pieghevole, come li avevo io.
Hai due possibilita', coda in linea con l'asse verticale del palo e con generatore fuori asse.
Oppure generatore in asse con il palo e coda invece fuori asse. Queste soluzioni, come li avevo io, ti permette con forte vento che il generatore si piega non ricevendo piu' il vento sulle pale. Puoi vedere molti esempi anche quello alla Piggot.
Per il corto, basta che lo fai quando il generatore gira piano, aspetti il momento giusto.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.870kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°7 solarworld 185wp, n°2 Peimar 250wp poly, batteria 24v 157+157Ah SMA tubolare, regolatore di carica tristar ts45 pwm e n°2 triron 40A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 5 feb 2020, 18:44

quanti gradi di fuori asse?

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 2105
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: Come posso iniziare

Messaggio da eneo » 6 feb 2020, 12:05

Impianto fotovoltaico monocristallino 2.870kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°7 solarworld 185wp, n°2 Peimar 250wp poly, batteria 24v 157+157Ah SMA tubolare, regolatore di carica tristar ts45 pwm e n°2 triron 40A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 7 feb 2020, 5:34

Ok. Grazie Eneo

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 2 mar 2020, 11:20

Ciao a tutti. sono tornato per chiedere nuovi lumi : ieri ho finalmente montato la pala eolica con circa 17/18 nodi di vento ed ho subito visto che pur avendo una bella aria, la pala arrivava si e no a 40/50 rpm ed al tester in uscita dal raddrizzatore avevo circa 1 volt ...
Stamattina ho tirato giù tutto e come prima cosa ho fatto girare il generatore a diverse velocità attaccandolo ad un grosso trapano a colonna, con lo stesso carico da 900w collegato (il generatore di targa è un 1500w 24v) ed ho visto che a circa 290/300 rpm avevo in uscita dal raddrizzatore circa 10v ed a circa 590/600 rpm circa 20v.
Insomma, mi pare che se con aria tra i 15/20 nodi faccio appena una cinquantina di giri, l'efficienza della pala lascia davvero a desiderare e che sto generatore i 24v di targa li prende solo alla velocità di un jet... direi che mi puzza d'aver preso un bidone...
Aiuto...

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7953
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come posso iniziare

Messaggio da Ferrobattuto » 2 mar 2020, 12:23

Non te la senti di mettere mano alla costruzione di un Piggot?
Sono facili da fare, basta un po' d'attrezzatura e molta pazienza.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 2 mar 2020, 17:29

prima di metter via generatore e pala archiviando il fatto di aver commesso un errore e magari, vedere di prendere qualcosa di meglio, vorrei almeno capire dove ho sbagliato.
Stamattina dopo aver postato la richiesta di aiuto, valutando il fatto che il carico da 900w collegato è fatto per 24 v e che le tensioni erogate dal generatore mi sembrano da generatore 12 v piuttosto che 24 (e questo potrebbe spiegare i pochi giri della pala con i 17/18 nodi di ieri), ho fatto anche una prova a vuoto a 300 rpm ed avevo circa 18v.
Ricapitolando, circa 10v a 300 rpm e circa 20v a 600 rpm sotto carico, circa 18v a vuoto a 300 rpm .... domanda : sembrano le caratteristiche di un generatore a 12v anziché 24?? E se si, è consuetudine che ai generatori in vendita si alterino i dati di targa e li si spacci per quello che non sono?? Ultima nota sul generatore è che pur essendo una macchina da una sessantina di ampere (o almeno così dovrebbe essere), i 3 fili in uscita mi sembrano da 2,5 mmq, massimo 4 mmq.
Insomma, secondo le consuetudini del web, che pacco mi hanno rifilato??
Considerazione successiva è cosa ne posso fare, magari con un utilizzo diverso e cosa prendere in sostituzione per l'utilizzo principale.
Non penso di cimentarmi nell'autocostruzione e sarei disposto a riaffrontare la spesa pur di far funzionare il sistema ma a questo punto vorrei andare un po' più sul sicuro, prendendo qualcosa che "fa effettivamente quello che dice", nel senso che mi da tensioni, correnti e rendimenti come scritto nei dati tecnici.

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 1271
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Come posso iniziare

Messaggio da jpquattro » 3 mar 2020, 14:31

Ma qualche numero, magari a vuoto? le curve dei generatori proposti da quei signori dicono che i loro generatori vanno a potenza di targa (suppongo anche a tensione di targa) a regimi di rotazione superiori a 1000 giri, che per un rotore di 2,5 metri di diametro a me sembra un bel po' di roba... comunque la potenza massima teorica (MOLTO teorica) che un rotore del genere può estrarre da un vento di 18 nodi (qualcosa meno di 10 m/s) e di 1450 Watt, quindi mi sa che per arrivare a 1500 W reali al generatore serve molto più vento, poi bisogna vedere se il passo delle pale è compatibile con la velocità richiesta.
Io inserirei un relé fra generatore e resistenza, farei acellerare il rotore prima di inserire il carico...

Paolo

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7953
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come posso iniziare

Messaggio da Ferrobattuto » 3 mar 2020, 22:34

Usando una batteria dopo il ponte raddrizzatore, le pale girano a vuoto e senza carico fino a che la tensione non arriva a superare quella sui morsetti della batteria. Se ti procuri due vecchie batterie auto le metti in serie e ci colleghi un amperometro in serie puoi vedere facilmente a che regime di giri comincia a caricare e quanto carica.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 4 mar 2020, 9:29

Non avendo ancora comprato le batterie da accumulo e volendo comunque provare il generatore ho collegato solo il raddrizzatore in uscita e da questo la resistenza da 900w.
Ieri ho provato ancora con vento intorno ai 30 nodi e raffiche oltre i 35 e con il carico collegato sono arrivato al massimo a 150/200 giri...
Sul banco e con l'aiuto di un trapano a colonna ho ripreso delle letture della tensione :
a 180 rpm 6,5v sotto carico e 11v a vuoto, a 300 rpm 11v sotto carico e 19v a vuoto, a 600 rpm 20v sotto carico e 38 a vuoto.
A 300 rpm e ancor di più a 600 il raddrizzatore scalda parecchio. Ho utilizzato cavi da 12 mmq per alimentare ma non penso che dipenda da questi perché mi sembra che il calore arrivi dall'interno del raddrizzatore e non dal morsetto.
Aggiungo una domandina banale : ma mediamente, a quanti giri vanno gli assi orizzontali?

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7953
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Come posso iniziare

Messaggio da Ferrobattuto » 4 mar 2020, 12:17

Piccola curiosità: Sei sicuro di aver collegato bene l'uscita trifase del generatore sul ponte raddrizzatore?
Il ponte scalda anche a vuoto?
Non intendo dare dell'ignorante a nessuno, ma a volte può succedere qualche errore. Perché le tensioni in uscita mi sembrano molto basse anche vuoto, oltre che sotto carico.
Comunque se le connessioni vanno bene, rimedia due vecchie batterie da mettere in serie e riprova con trapano, vedi a che regime comincia a caricare e quanta corrente eroga.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 4 mar 2020, 14:40

Non credo di aver sbagliato collegando il raddrizzatore o almeno spero.. raddrizzatore trifase da 150 A, 3 morsetti da una parte per il generatore dove ci si connette indifferentemente e la coppia pos. e neg. in cc dall'altra per il carico. La resistenza non ha contraddistinzione nei due morsetti tra pos. e neg. (resistenza da boiler a immersione 900w) ma penso che entrare di qua o di là sia lo stesso, no?
In effetti i valori sono davvero bassi ed è per questo che chiedo se non siano più da generatore 12v piuttosto che 24 e quale sia mediamente, nella maggior parte dei casi, la zona di buon o miglior rendimento in termini di numero di giri degli assi orizzontali.
Per la prova che mi dice Ferro, devo rimediare un amperometro e la faccio, anche per testare i valori con un carico diverso dalla resistenza (cinese presa su ebay) provata finora. Scusa la banalità della domanda ma.. ovviamente a batterie scariche?

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 1271
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Come posso iniziare

Messaggio da jpquattro » 4 mar 2020, 14:43

Io ho guardato le curve della versione da 2000 W (quelle del 1500 mancano...)e si trova una situazione per cui il generatore arriva a potenza di targa a circa 1150 rpm, se i due alternatori sono simili a 600 rpm dovremmo essere a metà circa della potenza di targa (la curva è sensibilmente lineare...), quindi intorno ai 700 W, un numero che torna abbastanza bene con i valori letti.
Un raddrizzatore per correnti del genere deve essere montato su un dissipatore di calore, già a 600 rpm dovrebbe avere un 30-35 Watt da dissipare che non è esattamente pochissimo per un semiconduttore.

L'alternatore è a magneti permanenti, il che vuol dire che la curva Vvuoto/rpm dovrebbe essere una retta (e i numeri letti confermano).

Io proverei a far accelerare il rotore a vuoto con un interruttore o con la batteria (ragionevolmente carica!!!) come dice Ferro...

Paolo

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 4 mar 2020, 16:56

Si, in effetti sul 1500 non c'è documentazione e la risposta alla mia mail di ieri ad Ista breeze è stata solo :
https://www.altinelenerji.net/performan ... -chart.pdf
Ho chiesto maggiori info ieri sera ma ancora non ho ricevuto nient'altro.
In ogni caso, se le caratteristiche sono simili al 2000, questo generatore deve girare tra i 600 ed i 1200 rpm per avere una resa congrua?
E come ci arrivo..? E' questo lo standard medio per un asse orizzontale?

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 1271
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Come posso iniziare

Messaggio da jpquattro » 4 mar 2020, 19:52

insomma... quella curva dice che con 14 m/s (cioè 27 nodi o se preferisci circa 50 Km/h) il tuo alternatore deve produrre 1600 W, a che tensione non lo specifica, ma suppongo che il loro controller sappia gestire la situazione...
Il problema probabilmente è che per produrli i 1600 W il generatore deve arrivarci al regime giusto... se lo fai partire con il carico mi sa che non ce la fa ad accelerare, parte con il freno a mano tirato...
A me sembra che le tue misure dicano che l'alternatore più o meno stia sulla loro curva, quindi non mi sembrano degli imbroglioni come mi sembra sospettassi tu... prova a far andare a vuoto il rotore magari in un vento non troppo intenso, giusto per sicurezza... e inserisci il carico dopo, magari puoi fare un carico variabile con un po' di lampade da fari camion...

Per fare qualche conto in più farebbe comodo sapere qualcosa in più del rotore... riesci a fare una sagoma del profilo della pala, almeno in un paio di punti (estremità e centro pala andrebbe bene) in modo da poter misurare gli angoli (e quindi il passo) basta il profilo della parte concava, tracciando il riferimento dell'asse e la distanza dal centro di rotazione...

Paolo

P.S. comunque se ci arrivi a 1000 giri farà un bel po' di rumore, per questo esistono gli alternatori multipolari (quelli piatti, che sembrano due piatti sovrapposti) che sono costruiti per girare a regime più basso...

Avatar utente
torespo
Messaggi: 19
Iscritto il: 23 dic 2019, 15:27
Località: S. Teresa Gallura

Re: Come posso iniziare

Messaggio da torespo » 4 mar 2020, 20:04

Grazie Paolo. Nei prossimi giorni vado a fare qualche tentativo come consigliato da te e Ferrobattuto e al più presto prendo qualche riferimento del rotore. Buona serata.

Rispondi

Torna a “Eolico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti