Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Moderatori: Ferrobattuto, Dolomitico

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7621
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da Ferrobattuto » 28 mag 2019, 13:14

Grazie, anche se non si vede molto..... :D
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 405
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da giuseppe » 28 mag 2019, 14:36

Meglio? Dopo tanti insucessi con quelle ad acido libero che in pochi mesi sono andate tutte in corto ho voluto provare ad immobilizzare (come le agm)gli ossidi e l'esperimento sembra funzioni
IMG_20190528_133504.jpg
ho messo solo acqua distillata e in 2-3 settimane è uscito il solfato da portare sul verde il densimetro
IMG_20190528_133504.jpg (123.79 KiB) Visto 1395 volte

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2252
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da Dolomitico » 28 mag 2019, 16:49

Interessante, dici che le acido libero andassero in corto, immagino per gli ossidi che non erano fissati e andavano a spasso.
Ma le lasci libere cosi o è solo per far la foto?
Immagino intendevi "nylon estensibile" il nulon goggle non me lo dà :woot:
Grazie x le foto.

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2252
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da Dolomitico » 28 mag 2019, 17:45

Ho tradotto col goggle traduttore un passaggio interessante di un libro sull'impasto delle piastre,mi sa checi sfugge un passaggio in merito ai leganti ,non usano solo ossidi e acido,incollo qui sotto la traduzione sulle piastre negative e positive:
Fonte il manuale "storage battery manual"

Pasta per piastre negative.
La pasta per le piastre negative è formata combinando il litargo (PbO)
con acido solforico diluito (HjSOj), quindi lavorandolo fino al desiderato
consistenza simile a quella di stucco da applicare alla griglia. Inoltre, a causa della tendenza
di accusa per contrarsi e formare una massa metallica di piombo quando sottoposto a
l'azione elettrochimica che ha luogo nella cellula, è necessario
utilizzare un espansore quando si combinano il litargirio e l'acido solforico
al fine di prevenire tale contrazione e quindi contribuire a preservare il
stato "spugnoso" del piombo nel piatto; questo espediente è necessario per
mantenendo la porosità del materiale attivo, che è anche molto essenziale
funzione nel preservare la capacità delle piastre negative. Inoltre,
questo expander aiuta a mantenere un buon contatto elettrico tra
griglia e il materiale attivo, che è anche una caratteristica essenziale nel proprio
lavoro del piatto.
Solfato di bario (BaSOj) in varie proporzioni a seconda del
le formule speciali utilizzate dai diversi produttori di batterie sono una sostanza
largamente usato per questo expander; solfato di manganese, nero lampo, grafite
o carbonio in qualche altra forma è anche usato da alcuni produttori di batterie
per questo scopo.


Pasta per piastre positive.
La pasta per le piastre positive si forma mescolando le proporzioni appropriate
di piombo rosso (PBSO ^) con acido solforico diluito e lavorando fino al
consistenza desiderata. Tuttavia, un problema completamente diverso da quello di
le lastre negative si presentano nel combinare la pasta per il positivo
piastre, poiché, mentre il litargirio usato nelle piastre negative ha una tendenza
per contrarsi e compattarsi, a causa della natura incoerente del perossido di piombo
(PbOa), è necessario utilizzare un ostacolo nel mescolare il red-lead per il
pasta positiva. Il solfato di ammonio (NH4) 2S04 è largamente usato per questo
scopo. Anche se si usa un legante per miscelare la piastra positiva, il perossido di piombo
è dotato di relativamente poca forza meccanica, e quando
sottoposto alle condizioni esistenti all'interno di una cella di accumulo, esso
diventa gradualmente morbido o "fangoso" e con ogni ciclo di carica e
scarico, una parte del perossido di piombo si allenta dalla superficie
del piatto e lava via e cade sul fondo della cella, d'ora in poi
non serve a nulla per l'azione della cellula. Questo indossa o lava
via delle particelle di materiale attivo, noto come spargimento, è un naturale
occorrenza nel funzionamento della cellula, essendo la teoria quella mentre a pieno
carica il materiale attivo positivo costituito da perossido di piombo, che è
di consistenza amorfa, al momento dello scarico il perossido di piombo viene convertito in
solfato di piombo, che è di struttura cristallina, ed è dovuto a questa transizione
dalla struttura amorfa alla struttura cristallina che le particelle sulla superficie del
il piatto si stacca e cade sul fondo della cella. Gasazione della cellula
durante la carica tende ad aggravare questa azione di spargimento, ed è essenziale
alla vita della piastra positiva che la gassazione si riduce al minimo in
funzionamento della cella.
In normali condizioni operative di una cella di accumulatori al piombo-acido
avendo piastre di pasta di tipo piatto, si può dire che, come regola generale, il positivo
il piatto è il fattore limitante nella vita e nell'utilità della cella.


Incollare le griglie.
Dopo che le griglie sono state gettate e hanno superato l'ispezione in modo soddisfacente, lo sono
Successivamente portato alla sala da incollare per essere incollato con il materiale attivo.
Ci sono due metodi generali impiegati nell'incollare le griglie, vale a dire. : a mano, e
dalla macchina
Il digiuno a mano. Quando le griglie sono incollate a mano gli operai,
chiamati "pastori", usano grandi coltelli appositamente progettati, che sono molto simili
a grossi coltelli di stucco e pale di legno per diffondere la plastica, simile a un mestolo,
materiale attivo sulla rete e lavorando a fondo tra il
membri della rete reticolati.
Le griglie vengono posizionate orizzontalmente sul tavolo e incollate accuratamente
un lato e poi girato e incollato sull'altro lato. Quando incollare
di un piatto è una volta iniziato, è necessario procedere con l'incollatura come
rapidamente possibile in modo che la pasta non si imposti prima di incollare
completato, e al fine di ottenere il corretto legame tra tutte le particelle di
tJie materiale attivo, in quanto è molto essenziale che il materiale attivo sia completamente
compattato come massa omogenea nel reticolo della griglia
al fine di effettuare un buon contatto elettrico tra il materiale attivo e
barre della griglia, nonché il materiale attivo adiacente. La presa salda o il legame
Incolla i gruppi di tipi 41
così ottenuto tra il materiale attivo e le barre della griglia assicura una conduttività adeguata,
abbassando così la resistenza al flusso di corrente attraverso il
piastra e con la conseguente maggiore efficienza nell'assorbimento o nella consegna
energia durante la carica e lo scarico; in altre parole, la cellula ha una migliore
caratteristica di tensione. Inoltre, il legame così ottenuto tra attivo
il materiale e la griglia prevengono anche inutili o anormali sloughing-oii 'o
"spargimento" del materiale attivo durante il normale funzionamento della piastra,
aumentando così la sua vita utile.
Dopo che le lastre sono state incollate, sono impilate in pile, una sopra l'altra
altro, con fogli di carta assorbente grossolana o tela posizionata tra di loro.
Incollare a macchina. Nella produzione di lastre incollate a macchina, il
il materiale attivo viene applicato meccanicamente alla griglia, dopo di che la piastra è
passato per mezzo di un nastro trasportatore sotto una serie di rulli di pressione che
compatta il materiale attivo nella rete. Questo metodo di incollatura produce
una piastra molto uniforme, poiché tutte le parti della piastra sono sottoposte allo stesso
pressione nel passare attraverso i rotoli. Questo metodo di incollaggio è particolarmente
adatto ai cosiddetti tipi di lastre "sottili".
Quando l'operazione di incollamento è stata completata, a mano o
macchina, le piastre vengono successivamente immerse in acido solforico diluito di circa 1.160 a
1.170 gravità specifica in modo che possa essere prodotta una leggera azione solfatante
nel piatto per scopi di cementazione nel bloccare ulteriormente le particelle
di materiale attivo insieme propedeutico alla conduzione della carica di formatura.
Questo processo di cementazione viene effettuato attraverso l'azione del solforico
acido sul piombo nella pasta, formando così solfato di piombo, i cristalli di
che si intrecciano tra loro e formano una rete cristallina per il supporto
e legare insieme la massa del materiale attivo.


Camera asciugatura
Dopo che i piatti sono stati incollati e immersi, come descritto nel precedente
paragrafi, vengono poi trasportati nelle stanze di essiccazione dove sono
sono appesi su rack situati in forni adatti, o in alcuni casi lo sono
sospeso nell'aria e lasciato asciugare preparandosi a ricevere il loro
formando carica. Queste stanze di essiccazione sono solitamente dotate di uno speciale
serie di soffiatori per far circolare l'aria sopra le piastre per accelerare il
processo di essiccazione. Questo processo richiede da uno a tre giorni per completare,
a seconda del tipo di piastra da produrre.
Le piastre essendo state asciugate completamente in questo modo, sono accanto
portato nelle stanze di formazione dove ricevono la loro carica di formazione.
Questa è una delle fasi più importanti nella fabbricazione della piastra e
particolare cura è presa durante la carica "formante" per produrre il corretto
tipo di piatto.


"Formazione carica iniziale.
Carica.
La "carica formante consiste nel convertire la pasta del positivo
piastre in piombo-perossido (PbOj) e quella delle piastre negative in spugna
piombo (Pb). I piatti sono assemblati e formati in legno rivestito di piombo
carri armati o cocci di terracotta smaltata, chiamati tanhs formanti, che contengono
elettrolita di acido solforico diluito utilizzato nel processo di formazione. I piatti
Di solito sono sospesi da rack nei lati o in cima ai serbatoi e lo sono
immerso nell'elettrolito. Le piastre sono anche collegate in più
file nella loro posizione normale per quanto riguarda la polarità; cioè, un piatto positivo è
raggruppato con una piastra negativa, e così via per tutta la serie di
filari. Nessun separatore viene utilizzato tra le piastre durante la ricezione della formatura
carica, poiché le piastre sono ampiamente distanziate per impedire che vengano a contatto
l'uno con l'altro durante questa operazione.
È anche pratica comune collegare in parallelo tutte le piastre positive di un serbatoio
tra di loro, e allo stesso modo le piastre negative. Le piastre possono anche
essere formato utilizzando elettrodi fittizi in combinazione con loro. Questo
spesso si ricorre alla procedura quando si desidera formare una situazione più positiva
piastre rispetto a quelle negative, o viceversa, gli elettrodi fittizi utilizzati
compensare la carenza in entrambi i set di piatti. Come detto, questo manichino
prende il posto dell'elettrodo opposto e può essere composto da foglio o
getto di piombo; spesso viene utilizzata una normale griglia di piombo antimonio
questo scopo.
Avendo assemblato e collegato tutte le piastre nelle formine, come
delineato sopra, i terminali positivi e negativi dei gruppi sono collegati
ai rispettivi bus di ricarica e alla corrente continua attraversata
i gruppi. È così che le piastre ricevono la loro carica di formazione.
All'inizio della carica di formatura sono costituite le piastre positive
approssimativamente come segue, a seconda del tipo speciale di piastra da essere
ottenuto
:
Piombo-ossido (PbO) dal 50 al 60 per cento.
Piombo-perossido (PbO ^) dal 20 al 30 per cento.
Solfato di piombo (PbSO,) i dal 15 al 25 per cento.
All'avvio della carica l'ossido di piombo viene convertito in perossido di piombo,
e man mano che la carica progredisce, il solfato di piombo viene gradualmente convertito in
perossido di piombo fino alla fine della carica di formatura la composizione del
il piatto è come segue
:
Piombo-ossido (PbO) dal 6 al 10 per cento.
Piombo-perossido (PbO ^) dall'80 al 90 per cento.
Solfato di piombo (PhSO ^) dal 2 al 5 per cento.
Incolla i gruppi di tipi 43
Le piastre vengono quindi rimosse dai serbatoi di formatura e inviate al
ripostigli per ulteriori trasferimenti nelle sale riunioni dove si trovano
fabbricato nelle cellule.
La composizione delle piastre negative prima di iniziare la formazione
la carica è circa come segue:
Ossido di piombo dal 75 all'85 percento.
Solfato di piombo dal 15 al 25 per cento.
All'inizio della carica di formatura la carica viene convertita in spugna
piombo, e mentre la carica progredisce, il solfato di piombo viene gradualmente convertito
in spugna o piombo metallico e al completamento della carica di formatura
la composizione delle piastre negative è approssimativamente come segue
:
Spugna piombo (Pb) dal 90 al 95 per cento.
Piombo-ossido (PbO) dal 3 al 5 per cento.
Solfato di piombo (PbSOJ dall'1 al 2 per cento.
Nel formare le piastre positive e negative vari gradi di velocità corrente
e la regolazione sono utilizzati, a seconda delle dimensioni e del tipo di piastra da essere
prodotta; inoltre, variazioni di densità dell'elettrolito e periodi di riposo
durante la carica vengono utilizzati, a seconda principalmente delle formazioni speciali
utilizzato dai vari produttori di batterie.

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2252
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da Dolomitico » 28 mag 2019, 17:54

E qui si torna a qulla sostanza che era una sorta di colla alimentare che consigliavano sull'altro manuale americano per fissare gli ossidi,non basta appoggiarli,usano leganti chimici che fissano in posizione gli ossidi,quella trovata da giuseppe come soluzione è molto ingegnosa,e serve appunto per ovviare al problema.
Un'altro problema è che questi manuali sono tutti in inglese,e tradurre con google è un lavoro notevole di copia incolla,non per il testo in sè,ma le fotografie da riposizionare.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7621
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da Ferrobattuto » 28 mag 2019, 19:47

Bene, grazie per il lavoro fatto, Dolomitico.
Anche se tradotto con Google è molto comrensibile. Pensare di tradurre in quel modo tutto il manuale è pura utopia, naturalmente.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 405
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da giuseppe » 28 mag 2019, 20:13

Dolomitico ha scritto:
28 mag 2019, 16:49
Interessante, dici che le acido libero andassero in corto, immagino per gli ossidi che non erano fissati e andavano a spasso.
Ma le lasci libere cosi o è solo per far la foto?
Immagino intendevi "nylon estensibile" il nulon goggle non me lo dà :woot:
Grazie x le foto.
chiedo scusa ho sbagliato tasto "nylon" o nailon estensibile avvolto attorno tirando quasi al limite rottura Si le lascio libere cosi . la tensione è uguale x le agm- Siccome ho 8 agm (sono a 48 v)smg + 2 da isola ecologica FIAMM 12V 100Ah 12FGL x non lasciarle sole ho fatto i 24 v che mi mancavano :blink:
Ultima modifica di giuseppe il 28 mag 2019, 20:36, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 405
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da giuseppe » 28 mag 2019, 20:15

Ferrobattuto ha scritto:
28 mag 2019, 19:47
Bene, grazie per il lavoro fatto, Dolomitico.
Anche se tradotto con Google è molto comrensibile. Pensare di tradurre in quel modo tutto il manuale è pura utopia, naturalmente.
Mi associo a Ferrobattuto complimenti x la pazienza anche se è un copia incolla

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2252
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da Dolomitico » 28 mag 2019, 20:22

Sarebbe anche fattibile, ma è un lavoraccio, cmq anche solo le parti fondamentali bastano, molto è incentrato sulle varie configurazioni di piastre. È un po' che mi arrovello anch io per cercare il sistema più veloce ed efficente, avevo pensato che il sistema più semplice in assoluto erano 2 fili di piombo, una coppia come una bobina che avvolti con dei distanziali coprivano una distanza grande a scelta, in pratica una bobina che invece che in rame avesse i fili in piombo, da 3 o 4 mm, però il problema sono gli ossidi che vanno a spasso.. Immagina che facile sarebbe, una volta ottenuto il filo di piombo metallico fai una coppia e la arrotoli... L unica configurazione che non ho visto, probabilmente per la facilità dei corti.
Giuseppa, una domanda, gli ossidi in una ipotetica piastra orizzontale si alzano e vanno a spasso facilmente o in questa configurazioni stanno fermi per gravità? I

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 405
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da giuseppe » 28 mag 2019, 20:43

Dolomitico ha scritto:
28 mag 2019, 20:22

Giuseppa, una domanda, gli ossidi in una ipotetica piastra orizzontale si alzano e vanno a spasso facilmente o in questa configurazioni stanno fermi per gravità? I
sStanno fermi xchè non si possono muovere ma.... io penso che far "bollire una batteria anche solo x equalizzare sia la sua rovina a lungo andare

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2252
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da Dolomitico » 28 mag 2019, 20:45

Scusa l errore, scrivere con telefono non è come la tastiera..
Immaginavo, però bisogna farlo magari solo limitatamente. Sarà da provare.

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 405
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da giuseppe » 28 mag 2019, 20:53

Dolomitico ha scritto:
28 mag 2019, 20:45
Scusa l errore, scrivere con telefono non è come la tastiera..
Io li faccio anche con la tastiera, :wacko:

Avatar utente
PierGSi
Messaggi: 86
Iscritto il: 7 mar 2018, 7:58

Re: Le batterie agm e gel,desolfatarle e rilevare le anomalie

Messaggio da PierGSi » 13 lug 2019, 12:34

Avendomi il produttore con il leone che brandisce il lampo risposto, denotando poca lungimiranza, picche, chiedo se sia giusto tenere delle GEL da 500 cicli dichiarati a 13.3V e 14.1V rispettivamente per float ed assorbimento a 20-30°C ambiente.

Così ad occhio non mi sembrano male come efficienza, la tensione sotto carico è sensibilmente più alta rispetto ad altre tipologie che sto alternando sul mio micro impianto : pack da 12V 280Ah, con 6-10A costanti di assorbimento ci vogliono più di 4 ore perchè il voltmetro scenda a 12.8V.
Ciao,
Pier.
www.piergm.com

Rispondi

Torna a “Batterie & elettricità”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti