Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Moderatore: jpquattro

Avatar utente
maxdef
Messaggi: 744
Iscritto il: 8 mar 2012, 8:34

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da maxdef » 9 gen 2018, 9:25

qualche fusione
Allegati
IMG_0692.JPG
IMG_0692.JPG (78.21 KiB) Visto 4387 volte
IMG_0691.JPG
IMG_0691.JPG (98.76 KiB) Visto 4387 volte
IMG_0690.JPG
IMG_0690.JPG (98.7 KiB) Visto 4387 volte
IMG_0689.JPG
IMG_0689.JPG (146.61 KiB) Visto 4387 volte
IMG_0694.JPG
IMG_0694.JPG (68.72 KiB) Visto 4387 volte

Avatar utente
athos18
Messaggi: 402
Iscritto il: 23 set 2013, 20:24

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da athos18 » 12 gen 2019, 20:15

una domanda posso usare il cannello per saldare la guaina per il catrame o un grosso fornello per scaldare il pentolone per le conserve dei pomodori come forgia per scaldare e fare diventare rossi a 800 ° dei pezzi di tondino di costruzione da 25 mm per poterli sagomare e forgiare una punta a unghia? se ci metto dei mattoni pieni intorno potrei creare una rudimentale forgia cosa ne dite? è balorda come soluzione o fattibile?
I'm What I'm

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7946
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Ferrobattuto » 12 gen 2019, 22:19

Vedi se ti è utile quello che ho fatto qui:
viewtopic.php?f=8&t=3500#p61271
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
athos18
Messaggi: 402
Iscritto il: 23 set 2013, 20:24

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da athos18 » 15 gen 2019, 19:09

grazie per il tuo prezioso consiglio
I'm What I'm

Avatar utente
Nino
Messaggi: 5
Iscritto il: 6 lug 2020, 16:01

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Nino » 6 lug 2020, 16:27

Ho letto tutti gli articoli dalla prima all'ultima pagina perchè descrivono le esperienze "fusorie" di ciascun partecipante. Quello che non ho visto è una misura del rendimento della fusione. Mi spiego meglio: ieri 5 luglio 2020, ho deciso di ridurre in lingotti e stampi vari tutto l'alluminio che ho accumulato. Alimento la mia fornace con il metano ed uso un bruciatore autocostruito; il crogiolo è semplicemente una pentola in inox da 3 litri, senza i manici con il bordo rinforzato e provvisto di due fori per l'estrazione dalla fornace. Quest'ultima è stata ottenuta rivestendo di mattoni refrattari uno scaldabagno da 80 litri. Questa in breve le mie condizioni "fusorie"; ho iniziato alle 08.15 ed ho terminato alle 11.15 ottenendo, in 3 colate 10,360 Kg di lingotti e consumando 3,44 mc di gas metano. Quello che vorrei sapere è il Vs consumo perchè vorrei implementare il bruciatore usando anche l'olio vegetale esausto (olio di frittura)

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7946
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Ferrobattuto » 6 lug 2020, 20:32

Non capisco bene cosa intendi per "rendimento". Forse la quantità di gas impiegato? O la quantità di metallo che va in scorie?
Il forno che ho realizzato io è piuttosto "concentrato". Mi spiego; tra la parete del crogiolo e il rivestimento refrattario ci sono circa 2,5cm, per cui la fiamma lambisce completamente il crogiolo tutt'intorno e si scalda molto uniformemente. Il refrattario del rivestimento è lana refrattaria per rivestimenti di forni per terracotta. Oltre che refrattaria è pure abbastanza coibentante, anche se lo spessore è poco. Immagino che i mattoni refrattari per salire in temperatura assorbano molto calore. Infatti anche le cosiddette "forge" autocostruite che si vedono su Youtube sono rivestite nella stessa maniera.
Io uso GPL da bombole casalinghe, abbastanza economico, non ho effettuato "misure" particolari, ma tutto sommato non mi sembra di averne cosumato un granché.
Le fusioni fatte sono servite per avere del metallo da lavorare per scopi personali, non per lavori conto terzi ne per ricavare metallo da vendere, ne tantomeno sono lavori che si fanno spesso. Di sicuro il metallo usato è tutta roba di recupero, rottame, per cui praticamente gratuito, perciò la spesa si limita a quel po' di gas che si usa.
Usando qualche precauzione, tipo tenere il coperchio chiuso per impedire rientro d'aria, e magari un po' di disossidante, la quantità di metallo che va in scoria risulta abbastanza contenuta.
Non so se una pentola di inox, di spessore sottile e molto larga, possa essere proprio adatta come crogiolo per l'alluminio, anche se può andar bene per del piombo.

Una tua presentazione nella sezione apposita sarebbe gradita, grazie.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Nino
Messaggi: 5
Iscritto il: 6 lug 2020, 16:01

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Nino » 6 lug 2020, 23:04

Ho provveduto alla mia presentazione e mi scuso di non avelo fatto prima essendo la mia prima volta che partecipo ad un forum. Per "rendimento" intendo il consumo di tot combustibile per tot Kg di alluminio. Certo non è che si vende o che si realizza per conto terzi! E' al solo scopo di ottimizzare al massimo la fornace. Ho provato, all'inizio, a fare un bruciatore a gpl, di quelli illustrati su You Tube, ma mi sembra di non aver avuto troppa soddisfazione, forse perchè le perdite (di calore) erano alte. Dovrò provare ad usare la fibra minerale, quella che tiene fino a 1200° che ho visto utilizzare in tante realizzazioni, mentre, in attesa di un crogiolo in grafite, la pentola in inox che uso, 150 x 130 sembra tenere bene,(siamo alla terza campagna di 3 colate); se non altro, la trasmissione del calore dalla fiamma all'alluminio è facilitata dallo spessore esiguo della pentola. Guardando all'interno, le pareti diventano rosse, tendenti al giallo, ma non al bianco dei crogioli in grafite che ho visto in qualche filmato. E' ovvio che "giocando" in tale maniera, la prudenza ed i movimenti sono al massimo dell'attenzione ed anche una eventuale fuoriuscita di metallo liquido deve esser contenuta dalla sabbia sparsa all'intorno della zona di operazione; è da incoscienti usare l'acqua! Anche il pavimento in cemento può esser pericoloso perchè se conserva al suo interno dell'umidità, il metallo liquido farà evaporare tale umidità che uscirà all'esterno con violenza e schizzando materiale incandescente in tutte le direzioni. Questa cosa non mi è mai successa e spero che resti così anche per tutti quelli che si dilettano con le fusioni.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7946
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Ferrobattuto » 7 lug 2020, 12:44

Come hai visto io ho usato un cannello di quelli commerciali, che funzionano benissimo perché hanno già il rapporto esatto tra gas e aria.
Naturalmente funzionano soltanto a GPL..... Col metano si dovrebbe mettere un getto molto più grande, ma dovresti trovarlo sperimentalmente e non so quanto conviene. Un mio vicino di casa con un cannello di quelli ha realizzato un forno per ceramica, con una capienza interna circa 80x80x80cm, per cui come cannelli hanno sicuramente un'ottima produzione di calore.
Per avere buoni rendimenti bisogna giocare sulla concentrazione e sulla coibentazione, oltre che sul bruciatore.
Non ho provato altri tipi di bruciatori per altri tipi di combustibili perché non ne ho a disposizione, poi avviare a temperatura un bruciatore ad olio esausto o ad olio fritto, ma anche solo a gasolio è una faccenda lunga e macchinosa perché bisogna portarli a temperatura, e si perde tempo e anche parte del combustibile.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Nino
Messaggi: 5
Iscritto il: 6 lug 2020, 16:01

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Nino » 9 lug 2020, 19:21

Condivido in toto quanto affermi; io comunque tenterò la strada del bruciatore di olio vegetale esausto e sarà un piacere condividerne i risultati sia positivi che negativi. Fin che non si prova non si può conoscere le difficoltà e la convenienza/praticità del sistema; naturalmente tutti i pezzi che servono per la realizzazione provengono da scarti e/o recupero e lavorati con gli attrezzi che si hanno a disposizione.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7946
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Ferrobattuto » 9 lug 2020, 19:35

Bene.
Nel caso tu autocostruisca bruciatore e forno per conto tuo, converrà che apri una discussione tua separata da questa.
Foto e spiegazioni saranno molto gradite.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Nino
Messaggi: 5
Iscritto il: 6 lug 2020, 16:01

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Nino » 10 lug 2020, 7:33

Le foto che faccio con la Olimpus di solito sono ad alta definizione (file di 1.500 Kb) Vanno bene? O ci sono problemi per postarle?

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7946
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Forno e crogiolo per metalli a basso punto di fusione.

Messaggio da Ferrobattuto » 10 lug 2020, 12:18

Se puoi, scalale in 800x600, formato accettabile dal motore del forum, o al massimo 1024x768. Altrimenti credo che le riduca lui, ma perdono definizione.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Rispondi

Torna a “attrezzatura home made”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti