L'impianto dell'acqua di casa mia.

Moderatore: eneo

Bloccato
Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7941
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

L'impianto dell'acqua di casa mia.

Messaggio da Ferrobattuto » 28 lug 2013, 20:51

Non è che voglia descrivere qualcosa di innovativo o particolarmente funzionale, semplicemente condividere quello che ho dovuto fare (leggi "sopportare"....) per poter avere acqua dai rubinetti 24h al giorno senza doverla pompare in continuazione.....

Quì viviamo in una valle, del diametro di circa 15 o 20Km, con intorno montagne molto alte, e di conseguenza anche delle fonti a livelli notevoli. Agli inizi degli anni '50 le loro acque furono imbrigliate e immesse in un acquedotto di distribuzione pubblica. Per tantissimi anni le cose sono andate bene, o almeno "benino", visto che comunque la popolazione non era eccessiva e i consumi dell'epoca decisamente più ridotti di quelli di adesso..... Però dall'inizio degli anni '70, non tanto perché la popolazione o i consumi fossero aumentati in modo eccessivo, quanto perché la società che gestiva l'acquedotto aveva deciso che la "nostra" acqua di quì "poteva" essere servita (leggi venduta.....) anche a qualche centinaio di Km di distanza, le cose sono cominciate a peggiorare notevolmente.
Non più acqua corrente 24h24, ma "ad orario", soprattutto in estate, con la scusa del ritorno estivo dei molti paesani emigrati all'estero in passato, mentre l'acqua di quì (Valle di Comino) arrivava fino a Terracina, a Formia, e in tutte le località di costa per la gioia dei bagnanti estivi..... A cui l'acqua NON manca 24h24. Al che quì gli "orari" che si sono sepre più allungati, fino a diventare giornate vere e proprie. A tutto questo si aggiungevano mancate manutenzioni, contenziosi con gli enti locali, rotture e quant'altro.
Per tirarla breve: più volte siamo finiti in causa con le società di gestione, ma sempre con un niente di fatto, vuoi per i "soliti rimpalli" di responsabilità tra gli enti locali e le società suddette, vuoi perché in alcuni casi per loro è stato meno costoso..... Comprarsi i nostri avvocati!
Utlimamente, dopo il referendum con cui il popolo italiano ha decretato finalmente che società private NON possono gestire l'acqua pubblica, le cose sono "un pelino" migliorate, soprattutto in vista di doversene sloggiare entro la metà dell'anno prossimo.
Ma nel frattempo?.... Mi sono dovuto arrangiare.

L'acqua arriva con un condotto poco sotto al livello stradale, prima quando c'era pressione arrivava in tutti i rubinetti di casa, poi man mano ci arrivava sempre di meno, e non perché quando arrivava non avesse pressione, ma perché veniva chiusa più spesso e per più tempo, allora la prima cosa che mi venne in mente fu di mettere un serbatoio sotto al colmo del tetto, ossia più in alto possibile. In questo modo quando c'era pressione si riempiva, e quando non c'era si svuotava, consentendo comunque di avere acqua ai rubinetti per lavarsi o cucinare.
Il serbatoio è "servito" da due valvole di ritegno, una sull'entrata superiore, quella che viene chiusa dal galleggiante, e una sull'uscita inferiore per il prelievo. All'inizio ne avevo messa una sola in uscita, per evitare che da "sotto" seguitasse ad entrare acqua anche a galleggiante chiuso, ma quando si abbassava il livello interno "succhiava" aria da sopra e acqua ne scendeva poca, o niente. Per cui necessitarono due valvole. Questo perché il serbatoio è servito da un solo tubo..... Per poterne mettere un secondo parallelo di "sola mandata" avrei dovuto sventrare tutte le mura di casa, che sono di pietra..... E spesse dai 60 ai 120cm.....
A forza di riempirsi e svuotarsi col tempo l'acquedotto si è arruginito, in qualche caso bucato, e spesso all'arrivo dell'acqua il giorno seguente portava dentro immondizia a non finire..... Sabbia, brecciolini, se poi facevano qualche raro lavoro di "riparazione" anche terra e qualche filo d'erba..... Dopo aver cambiato almeno due volte tutte le guarnizioni dei rubinetti di casa durante una sola stagione (parolacce bestemmie e maledizioni da giocarsi l'anima....) finalmente ho scoperto i filtri per l'acqua! Un bel filtro a filo avvolto subito all'uscita del contatore, così l'acqua entrava "pulita" (si fa per dire.... Che da allora compriamo l'acqua in bottiglia.....) e i rubinetti erano "salvi".
Per la cronaca: la monnezza che entrava dai loro tubi finì per incagliare anche il loro contatore dell'acqua, col risultato che sono stato anni pagando il minimo del canone, anche se poi realmente NON ne ho approfittato.....
Però.... Ad un certo punto anche la famigerata pressione ha cominciato a scendere.... E allora? Non vi descrivo i tentativi fatti, con pompe e pompette ecc ecc, sennò ci faccio un'enciclopedia....
Alla fine mi decido: si era verso la metà degli anni '90, spesi 2 milioni di lire, comprai un serbatoio da 2000L in acciaio inox, una pompa con pressostato, valvole, tubi in plastica, racorderia e tubi vari, e feci l'impianto così comè adesso.

Schema Impianto.jpg
Schema Impianto.jpg (151.47 KiB) Visto 12423 volte


Ho una stalla che stà sotto il livello stradale, per cui ho posizionato lì il serbatoio inox, con la parte superiore che stà un buon metro sotto al livello del tubo dell'acquedotto.

P7280228.JPG
P7280228.JPG (136.05 KiB) Visto 12423 volte


Subito dopo il contatore ho messo un rubinetto, per eventuali interventi, e poi la prima valvola di ritegno, in modo che se mancasse completamente l'acqua o la pressione in ingresso, l'acqua del mio impianto di casa non ritorna indietro. Da lì sono andato, sempre in discesa, fino al filtro, montato sull'ingresso del galleggiante sul serbatoio. In questo modo anche se l'acqua arriva "a caduta" e senza pressione esterna, nel serbatoio ci va ugualmente.

P7280235.JPG
P7280235.JPG (142.7 KiB) Visto 12423 volte


Come si vede, dal filtro, oltre che nel serbatoio tramite il galleggiante, l'acqua sale direttamente nell'impianto di casa tramite un'altra valvola di ritegno, per cui quando e se c'è pressione arriva ai rubinetti. Quando non c'è con un interruttore da casa sopra accendo la pompa.

P7280230.JPG
P7280230.JPG (151.29 KiB) Visto 12423 volte


Dalla foto si vede che la pompa pesca direttamente dal centro del fondo del serbatoio, in questo modo posso pescare fino all'ultimo litro d'acqua. Sulla pompa c'è il pressostato regolabile su una pressione a piacere, in modo che quando tutto l'impianto, e soprattutto il serbatoio sotto al tetto, sono pieni, si spegne e rimane spenta fino a che c'è acqua da sopra, o fino a che arriva acqua dall'acquedotto. Anche lasciato acceso per dimenticanza, coi rubinetti chiusi e il serbatoio in alto pieno si avvia molto di rado.
All'uscita della pompa c'è un'altra valvola di ritegno, che serve a non far rientrare all'inverso l'acqua attraverso la pompa quando è spenta.
Il rubinetto con la maniglia rossa serve per una eventuale svuotatura del serbatoio (mai usato fin'ora.....) mentre gli altri due con le manopole nere sono del tipo con raccordo svitabile, e servono per "isolare" ed eventualmente smontare la pompa per interventi o per la sostituzione (mi è servito.... eccome!)
Come si vede dallo schema, dopo la "valvola di rit. impianto" l'acqua sale in casa ai vari rubinetti e verso il serbatoio superiore.
Entrambi i serbatoi hanno un galleggiante, e dei tubi di "troppo pieno" che in caso di loro guasti scaricano l'acqua in eccesso fuori della casa. A quello sotto al tetto è successo che si rompesse la guarnizione al galleggiante e l'acqua se ne andava sul tetto postriore e nella relativa grondaia.
Come vedete sotto, in questi giorni il filtro è di nuovo pieno di monnezza..... Dovrò sostituirlo al più presto...... : Sick :

P7280234.JPG
P7280234.JPG (143.07 KiB) Visto 12423 volte


Sotto, ancora, il serbatoio superiore, con le due valvole di ritegno, quella a sinistra che esce da sotto per l'acqua che scende, e quella a destra sul tubo che sale e va al galleggiante.

P7280238.JPG
P7280238.JPG (116.63 KiB) Visto 12423 volte


È un po' sfocata, ma dovrebbero vedersi ugualmente. Sotto invece il serbatoio visto di fianco, col tubo che entra al galleggiante e il tubo di troppo pieno, più grande, che va fuori dalla finestra più vicina.

P7280241.JPG
P7280241.JPG (147.77 KiB) Visto 12423 volte


Qualche chiarimento:
Il tubo bianco di plastica che scende di fianco al filtro è un indicatore di livello. È trasparente e si vede il livello dell'acqua nel serbatoio. Avrei dovuto metterci dentro la classica pallina rossa galleggiante, ma non ne ho trovate e poi "è passato" così.
Per chi eventualmente non lo sapesse (mi scuso con chi lo sa.....) una "valvola di ritegno" è una valvola che fa passare l'acqua in una sola direzione, di solito indicata con una freccia sull'esterno del corpo in ottone.
Ci sono rubinetti quà e là che non sono nello schema, ma servo solo per "sezionare" qualche tratto di impianto per eventuali sostituzioni o interventi.
Per le giunzioni e gli incroci dei tubi ho messo dei puntini ben visibili, un po' come si fa per gli schemi elettrici. Purtroppo fare un disegno con cad e simboli adeguati non ne sono capace.

In ultimo:
Non ho la possibilità di scavarmi un pozzo sulla mia proprietà, in quanto quì l'acqua è sotto ai 100 - 150m di profondità, e il solo costo del pozzo sarebbe proibitivo, senza contare la spesa della corrente di pompaggio ed eventuali interventi o sostituzioni sulla pompa sommersa......
In "cambio" ho una cisterna nel cortile di casa, che raccoglie l'acqua piovana del tetto. Circolare come un pozzo, profonda 7m e con 3,5m di diametro, della capacità effettiva di 70.000 litri, ossia 70mq. Purtroppo è in conproprietà con altra gente che vive all'estero..... e nonostante l'abbia riparata già in passato, i terremoti ce la tengono sempre scassata..... E purtroppo non scassano solo quella.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
mastrovetraio
Messaggi: 2859
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: L'impianto dell'acqua di casa mia.

Messaggio da mastrovetraio » 29 lug 2013, 12:49

Accidenti, che calvario! Pensare che consideravo una seccatura la mia cisterna da 500 litri e l'autoclave, che ho installato "se per caso" si abbassa la pressione. Due cose. Non mi piace il serbatoio sottotetto, in zona sismica. Peccato per il serbatoio della piovana. Andrebbe sistemato con polistirolo ed un telo da piscina in pvc. Tra 57 mesi appena avrò estinto la pena vengo a darti una mano.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7941
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: L'impianto dell'acqua di casa mia.

Messaggio da Ferrobattuto » 29 lug 2013, 12:59

mastrovetraio ha scritto:......Non mi piace il serbatoio sottotetto, in zona sismica.....

È ben sistemato, di scosse ne ha subite tante e non si è mai mosso. Poi se una scossa è così forte da rovesciare quel coso pieno.... Tutto il resto è già andato a terra! : tongue :
Peccato per il serbatoio della piovana. Andrebbe sistemato con polistirolo ed un telo da piscina in pvc. Tra 57 mesi appena avrò estinto la pena vengo a darti una mano.

Quando ti pare, benvenuto a te e signora, per il tempo che volete. :D
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Bloccato

Torna a “Idraulica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti