Una Francese a "Pile" per la moglie

Rispondi
Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 1317
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Una Francese a "Pile" per la moglie

Messaggio da jpquattro » 9 mar 2021, 21:26

La padrona si è rassegnata a cambiare la ormai più che ventennale Seat Arosa...
L'uso è estremamente modesto: casa-supermercato-casa ogni tanto la prende mio figlio che però preferisce lo scooter, tutte le volte che è possibile.
Abbiamo deciso per una Renault Twingo, molto compatta, con i contributi statali viene a costare una cifra molto abbordabile, il marchio produce elettriche da molto tempo. L'autonomia è modesta(circa 200 Km), ma per l'uso previsto è sovrabbondante.

Ora viene il problema. Debbo mettere una presa di ricarica in giardino. Niente di supertecnologico, una semplice presa schuko, da 16A.
Come detto la previsione di consumo è estremamente modesta e quindi il numero di ricariche anche, la durata della ricarica stessa non è un problema. Per il nostro uso una ricarica alla settimana, di notte, è quasi certamente più del necessario.
Cosa mi serve? facile circa 10 metri di cavo 3 x 4 mm^2 (è sovradimensionato, ma crepi l'avarizia), infilato dentro altrettanti metri di guaina spiralata, un magnetotermico con differenziale un armadietto con dentro la presa e magari anche il cavo di ricarica.

Ma andando a leggere scopro che le prese schuko se sfruttate a 14-16A per molte ore scaldano e si rovinano rapidamente, tanto che il carichino in dotazione all'auto "sente" il tipo di presa e riduce il carico a 8-10A, raddoppiando o quasi i tempi di ricarica.

Quale è il tipo di presa che non crea problemi? Nessuna schuko commerciale è caratterizzata per un carico continuo di molte ore. Ho impiegato più di una giornata prima di scoprire che esiste una presa specifica, sviluppata dalla Legrand (francese guarda caso...) che oltre a una costruzione più robusta, ha un trucco per convincere il carichino che è attaccato a una presa "tosta" e ci può dare dentro quanto vuole...
La presa è distribuita anche dalla Bticino.

Dice ma... le palanche? Come siete venali... a listino costerebbe parecchio di più, ma su internet viene via con 70 eurini più spedizione... non è un affare?

Cosa ha di speciale questo marchingegno? Fisicamente sembra abbia una costruzione più robusta, ma il trucco, per convincere il carichino sembra siano due magnetini dentro la presa...
Quando arriva vi faccio sapere con più dettagli....

Paolo

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 8027
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Una Francese a "Pile" per la moglie

Messaggio da Ferrobattuto » 10 mar 2021, 13:25

Grazie, che la cosa comincia ad interessare anche me. L'auto che ho adesso è quasi maggiorenne e ha circa 300.000Km, e visto che anche noi non facciamo più lunghi viaggi probabilmente la prossima sara "a pile" anche la nostra. Poi per di più ho anche un po' di fotovoltaico.....
In rete si legge, ma me lo ha confermato anche Hal9000 che ne ha ormai due, che per allungare la vita delle batterie non conviene mai scaricarle sotto al 30% e mai caricarle sopra al 70%, se non in vista di lunghi viaggi.
Poi di colonnine in giro ce ne sono ormai moltissime, anche davanti ai supermercati o nei centri commerciali.
Ne stanno mettendo anche qui nei paesi, figurati.....
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 1317
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Una Francese a "Pile" per la moglie

Messaggio da jpquattro » 10 mar 2021, 14:09

Ferrobattuto ha scritto:
10 mar 2021, 13:25
Grazie, che la cosa comincia ad interessare anche me. L'auto che ho adesso è quasi maggiorenne e ha circa 300.000Km, e visto che anche noi non facciamo più lunghi viaggi probabilmente la prossima sara "a pile" anche la nostra. Poi per di più ho anche un po' di fotovoltaico.....
....
I fondi su cui sono basati gli incentivi che ho sfruttato io, sono prossimi all'eusarimento e non si tratta di spiccioli, credimi.
Se vuoi comprarla SBRIGATI, sempre che tu sia ancora in tempo. Altrimenti la paghi a prezzo di listino...

Paolo

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 8027
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Una Francese a "Pile" per la moglie

Messaggio da Ferrobattuto » 10 mar 2021, 19:09

Al momento non posso spendere neanche un centesimo, per cui andrà come andrà. Nel caso poi non sia possibile, vista l'età che ho, al limite mi accontento di un catorcio più o meno legale che tiri avanti per qualche altro anno. Non ho intenzione di guidare fino a crollare sullo sterzo, ho già fatto abbastanza chilometri nella mia vita di lavoro da poter essere andato e tornato dalla Luna almeno tre volte.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 1317
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Una Francese a "Pile" per la moglie

Messaggio da jpquattro » 13 apr 2021, 11:03

Nel frattempo noi ci siamo ammalati (bronchite vulgaris niente virus), siamo guariti e ci siamo vaccinati...
Francesina arrivata e consegnata, per ora siamo al terzo viaggio (contando anche quello dal concessionario fino a casa) i viaggi per ora sono casa-supermercato e ritorno. Io per ora faccio l'istruttore senza averla mai guidata (!!!)...
Ancora mai ricaricata, staremo a vedere. Prime impressioni: stiamo parlando di una vettura di 3 metri e mezzo, quattro posti quattro porte. Modello più economico della casa nella categoria, allestimento economico fra l'altro... quindi uno non si aspetterebbe grandi cose.
prestazioni: non posso giurare che Letizia abbia mai spinto l'acceleratore non dico fino in fondo ma neanche a metà, comunque l'accelerazione è abbastanza briosa, il silenzio pressoché assoluto, tanto che c'è un generatore di "rumore" per avvertire i pedoni. Freni, c'è voluto un po' per convincere Letizia che bastava molto meno, le prime volte inchiodate furibonde... interni, insomma non male, tanta elettronica, musichette quando apri la porta, una procedura di "partenza" che sembra un lancio da cape kennedy... manca la retrocamera, ma ci sono i sensori di retromarcia, Letizia li ha apprezzati subito, si è subito lamentata che ci sono solo dietro (la mia li ha anche davanti...); bagagliaio ridotto ai minimi termini, sara una guerra per convincere Letizia a non ribaltare i sedili posteriori (divisi)...
La ricarica è programmabile, si può impostare gli orari di ricarica (utile quando si ricarica da presa ENEL con contatore normale, la ricarica può partire dopo mezzanotte e fermarsi alle sette di mattina...)
Il resto alla prossima puntata...

Paolo

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 8027
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Una Francese a "Pile" per la moglie

Messaggio da Ferrobattuto » 13 apr 2021, 18:19

Mi dicono che per quel tipo di batterie la longevità maggiore si ottiene non caricandole mai oltre il 70-75% e non scaricandole mai sotto al 25-30%. Questo da chi la macchina elettrica ce l'ha già da qualche anno.
A me piacerebbe la Zoe, ma per ora..... Come sopra. :D
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Rispondi

Torna a “Autoveicoli”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti