La Stufa a Segatura

Moderatore: Dolomitico

Avatar utente
leo072
Messaggi: 11
Iscritto il: 15 gen 2017, 20:07

Re: La Stufa a Segatura

Messaggio da leo072 » 28 set 2017, 9:00

mastrovetraio ha scritto:
19 feb 2017, 14:09
Io non do mai nulla per ovvio e scontato, mai quando non posso controllare di persona....ecco il "disegnino" che pur essendo stupido focalizza il problema del collegamento del termocamino alla canna fumaria...il mio dubbio é che la situazione possa essere proprio quella del disegno, ovvero lo scarico del termo connesso male (o addirittura NON connesso). Possibilissimo, dato che un termocamino di solito viene inserito in un caminetto pre-esistente, e connetterlo alla canna fumaria in modo STAGNO é una operazione complicata. Se la connessione non é "a regola d'arte", una buona percentuale di calore della casa scapperà per l'atmosfera.
Ciao Mastro, se vuoi fare questo collegamento perdi in partenza. Quando inserisci un modulo prefabbricato in un vecchio camino e poi vuoi sigillare tutto devi prevedere una presa d'aria di diametro pari almeno ad un quinto della canna fumaria dietro il focolare prefabbricato che peschi fuori per innescare un passaggio d'aria verticale nella vecchia canna. Cosi compensi i problemi di pressione dati dal tiraggio forzato del modulo inserito, altrimenti il fumo non sale ma ti viene in casa. Facendo riferimento al tuo schizzo devi fare un foro da circa 6 cm nella parete del vecchio focolare a 10 cm dal piano basso che vada fuori. Cosi appena comincia a scaldarsi tira. Meglio se la ripresa d'aria in questione fosse regolabile, perchè a canna calda rischi che tiri troppo e disperda calore.

Spero di esserti utile Leo.

Avatar utente
mastrovetraio
Messaggi: 2859
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: La Stufa a Segatura

Messaggio da mastrovetraio » 29 set 2017, 20:29

Cio, Leo. Sono perfettamente d'accordo con te. E tu (senza accorgertene ) sei d'accordo con me. Non hai letto bene il mio post, il disegnino indica il problema, non la soluzione. La persona che aveva chiesto aiuto non aveva voglia di fare alcunché, per questo il discorso è rimasto in sospeso. E ci sarebbe molto da dire e da fare, per esempio si potrebbe recuperare il calore dei fumi per preriscaldare l'aria di combustione, con conseguente aumento dell'efficenza. Ma dato che poi è saltato fuori che "la casa è della moglie" e non ci si possono mettere le mani....io sono dispostissimo a spendere il mio tempo, e dare consigli "ad hoc", ma ci vuole un minimo di serietà e di riscontro. È il difetto dei forum. Ma a te va un GRAZIE, tu sei uno disposto a dare ciò che sai. Benvenuto.

Avatar utente
unimatrixzero
Moderatore
Messaggi: 637
Iscritto il: 21 set 2017, 22:04

Re: La Stufa a Segatura

Messaggio da unimatrixzero » 29 set 2017, 23:41

la prossima settimana forse , dopo 6 mesi che ce l'ho li nuova ferma , finalmente vengono a installarmi sto mostro qua.
son troppo curioso di vedere come funziona .
Allegati
termoboiler.jpg
termoboiler.jpg (117.55 KiB) Visto 1987 volte
Riposa in pace Bob Harte .

Avatar utente
tex
Messaggi: 16
Iscritto il: 1 lug 2015, 11:12
Località: Cosenza

Re: La Stufa a Segatura

Messaggio da tex » 4 apr 2019, 14:07

leo072 ha scritto:
28 set 2017, 8:52
Ciao a tutti. A L.....Y M.....N (non voglio fare pubblicità ma la vendono solo li') e in vendita nuova una stufa in ghisa a pozzo con carica dall'alto che sembra fatta apposta per convertire a gassificazione o a segatura. La camera di fuoco è un cilindro in ghisa circa 30 cm di diametro e 40 di altezza. quindi puo' essere caricato a segatura pressata col palo centrale da estrarre (come usava una volta) oppure puo' essere inserito un cesto su misura di rete di inox a maglia 4x4 mm con tubo centrale della stessa maglia diametro 40 mm riempito di pellet o nocciolino di olive o mais spezzato e acceso. Se il cesto ha un diametro che lascia un intercapedine di 1,5 cm dalla parete della camera di fuoco, appena la camera raggiunge i 200 gradi C il combustibile comincia a gassificare e l'accrocchio comincia a funzionare come una Lucia Stove, cioè niente fumo e fiamma quasi blu fino ad esaurimento volatili,poi si accende il carbone e funziona come una stufa carica di braci. Il prototipo gassificante Ha lavorato 10 ore abbondanti a 3Kw di potenza reale con 8Kg di pellet comune e altre 5 ore è rimasto tiepido fino a sparizione delle Braci. Residuo finale un pugno di ceneri.
Cordialmente Leo.
Ciao, ma la stufa in questione è questa?

https://www.leroymerlin.it/catalogo/stu ... 35635670-p

Rispondi

Torna a “Risparmio energetico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti