Pannelli a concentrazione e sali fusi...

Moderatori: CB900RED, Marko

Rispondi
Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 973
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Pannelli a concentrazione e sali fusi...

Messaggio da jpquattro » 4 apr 2018, 9:12

Il pensiero (solo pensiero, non idea, non invenzione...) ha origine dalla discussione sulle pompe di calore.
L'idea di base era pompa di calore + fotovoltaico = riscaldamento quasi gratis (investimento a parte!!!!)
Ma... il pannello fotovoltaico converte fra il 15 e il 20% dell'energia che riceve, dopo la debbo immagazzinare, dopo... dopo...
Finisce che dell'energia fornita dal sole utilizzo solo il 10% forse meno.
Ma a me serve calore e di calore il sole ne fornisce a bizzeffe a saperlo usare e accumulare.
Cominciamo dall'accumulazione: esistono gli accumulatori di calore a sali fusi, che sfruttano sali inorganici per immagazzinare il calore, in particolare sfruttano anche il passaggio di stato solido-liquido dei sali. Questi funzionano da 100 a 400-500 gradi... per farli funzionare bisogna che troviamo dei pannelli solari che ci diano largamente più di 100 gradi anche d'inverno... quelli normali non lo fanno... ma è possibile. si chiamano sistemi a concentrazione. Si insomma immaginate una lamiera riflettente piegata a U (con profilo parabolico) e un tubo in cui passa il fluido messo nel fuoco della parabola. La cosa bella è che se è abbastanza lungo possiamo montarlo fisso o quasi. Si, perché il sole, o meglio la terra, si muove su un'orbita che giace su un piano se l'asse del nostro riflettore sta sullo stesso piano possiamo tenerlo fisso, avremo un po' di perdita alle estremità del tubo al mattino e alla sera perché i raggi sono lateralmente obliqui, ma le temperature saranno certamente più alte. Se la memoria non mi inganna ci sono centrali solari che hanno riflettori fatti così..
Che fluido usiamo per i fluidi? Fluidi a base acqua no, per andare a temperature alte servirebbero pressioni molto alte, quindi problemi di sicurezza e di manutenzione. Meglio un olio che bolla a temperature molto alte.

Se sommiamo un pannello a concentrazione a un accumulatore a sali fusi abbiamo una sorgente di calore di circa 1000W/mq che funziona anche di notte... Dovremo sempre associarci una sorgente di calore di backup (metano, GPL, pellets, legna... scegliete voi) perché mica sempre c'è il sole... Ma insomma a me sembra un'idea interessante, realizzabile anche a casa mia che sto a 500m da un aeroporto...

Se l'idea interessa proseguiamo la discussione e vediamo se la cosa è davvero fattibile...

Paolo

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2853
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: Pannelli a concentrazione e sali fusi...

Messaggio da mastrovetraio » 4 apr 2018, 15:40

#Paolo... Hai presente la pellicola autoadesiva che si mette sui vetri delle case per fare il vetro a specchio??? Steso su lamiera zincata o su alluminio potrebbe funzionare allo scopo?? Potrei anche lucidare a specchio l'alluminio, ma poi dovrei proteggerlo con una qualche vernice... ma quale? E poi non mi ci vedo a lucidare 20~30 metri quadri, sono giornate intere di lavoro duro. E poi, parabola lineare ?? Oppure esiste un profilo migliore?

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 973
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Pannelli a concentrazione e sali fusi...

Messaggio da jpquattro » 4 apr 2018, 17:53

La pellicola l'ho presente, non so come si comporta con l'infrarosso e cose del genere e non so quanto dura, a parte questo certo che funzionerebbe... si potrebbe attaccare direttamente a sagome di polistirolo tagliate con il filo caldo, credo tu conosca la tecnica.
L'alternativa potrebbe essere alluminio lucidato o forse meglio cromato (va lucidato ugualmente, ma almeno è inossidabile o quasi).
La protezione invece che una vernice potrebbe essere un gas inerte, o quasi, come l'azoto (l'elio è troppo sfuggente...)

Il profilo migliore esiste, si chiama ottica non focale, sarebbe migliore perché con il passare delle settimane e dei mesi l'elevazione del sole cambia e quindi bisognerebbe cambiare l'angolo del riflettore, con un riflettore non focale potrebbe non essere necessario.

Paolo

P.S. link originale da cui sono partito (tanto tempo fa) in inglese, mi dispiace
https://patents.google.com/patent/US4002499A/en

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2853
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: Pannelli a concentrazione e sali fusi...

Messaggio da mastrovetraio » 4 apr 2018, 21:23

Interessante il link. Mi sono chiesto che effetto farebbe un concentratore del genere su un pannello fotovoltaico, d'inverno in una giornata senza sole... Immagino che i pannelli fotovoltaici reagiscono anche a frequenze di luce che noi non vediamo.

Rispondi

Torna a “Solare termico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite