quale pannello amorfo?

Moderatore: maxlinux2000

Rispondi
Avatar utente
gag64
Messaggi: 6
Iscritto il: 18 dic 2018, 20:26

quale pannello amorfo?

Messaggio da gag64 » 23 dic 2018, 20:44

Buongiorno a tutti !
come da totolo mi accingo a realizzare il mio piccolo impianto a isola e dovrei acquistare i pannelli.
dopo giorni passati a vagare nel web,chiedo a voi consigli su quale marca di pannello e dove comprare...
vi ringrazio sin d'ora se vorrete darmi un piccolo aiuto...
saluti da Zena

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7603
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: quale pannello amorfo?

Messaggio da Ferrobattuto » 23 dic 2018, 22:18

Perché amorfo? Monocristallino o policristallino non va bene?
Prima di partire conviene capire di che potenza vuoi realizzare il tuo piccolo impianto, e più o meno a cosa ti servirà. Se resterà piccolo o pensi di ampliarlo in futuro.
Poi anche quanto vuoi spendere......

Comunque una piccola presentazione nella sezione apposita sarebbe gradita.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
gag64
Messaggi: 6
Iscritto il: 18 dic 2018, 20:26

Re: quale pannello amorfo?

Messaggio da gag64 » 24 dic 2018, 20:03

Ciao Ferrobattuto.
Io mi ero già presentato nell'apposita sezione prima di scrivere questa domanda,ma qualcosa non ha funzionato (sicuramente per colpa mia...)ed il messaggio chissà dove è finito..
Cmq mi son presentato nuovamente.
Chiedo ancora scusa a tutti!
Allora vivo sull'appennino ligure a 800 mt,in posizione molto isolata e, viste le frequenti interruzzioni di energia elettrica dovute ad eventi atmosferici,vorrei realizzare un piccolo impianto off-grid.
per ora ho collegato due pacchi di batterie gel da 24v-200 e 300 Ah, ovviamente da collegare in modo alternato e un inverter ibrido 24v 3000w. per ora il tutto funziona garantendomi i consumi essenziali(caldaia a legna,termocaminetto,impianto antifurto e videosorveglianza.
oltre al circuito luce (tutto led).
In seguito collego anche il frigo.Adesso è il momento di inserire i pannelli che installerò nel prato adiacente casa e rendendo variabile l'inclinazione verso il sole nell'arco dei mesi.
Sarei orientato verso i pannelli amorfi per il fatto di avere cmq un minimo di ricarica anche durante la stagione invernale...
per la spesa...belin, il meno possibile..siamo a Zena!!
ringrazio fin d'ora tutti quelli che vorranno aiutarmi.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7603
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: quale pannello amorfo?

Messaggio da Ferrobattuto » 25 dic 2018, 11:43

gag64 ha scritto:
24 dic 2018, 20:03
.....per la spesa...belin, il meno possibile..siamo a Zena!!
HA! HA! HA! :woot: :woot: :woot:
Che i Genovesi siano a dir poco "parsimoniosi" è risaputissimo. :lol:
Ma stai tranquillo che chi si rivolge al fai-da-te non è molto da meno anche in tutto il resto d'Italia. ;) :D

Tornando ai pannelli: intanto ci hai detto dove stai e cos'hai. Un ibrido da 3000W che spero non sia proprio un "cinese" molto economico, in quanto quelli denunciano potenze spropositate che poi in pratica non raggiungono.
Un banco di batterie che non ho capito bene se siano uno da 200Ah e uno da 300Ah messi in parallelo, o cos'altro. Spero che sia così perché 500Ah a 24V nominali è già un buon banco di partenza. Dovresti dirci però se sono nuove o..... Genovesi. :D
Per gli amorfi: intanto gli amorfi hanno rendimenti molto bassi, in genere la metà dei cristallini, mono o poli che siano, per cui ce ne vorrebbero molti molti di più, con ingombri e complicazioni (cablaggio, cavi, sistemazione ecc ecc) varie. Poi hanno tensioni di uscita "strane", mentre i cristallini hanno ormai tensioni e correnti ben definite in base al numero di celle, quelli amorfi in genere sono molto più "vari", e in ultimo dovresti controllare se questi loro valori sono compatibili con l'ibrido che hai.
Tra l'altro i cristallini si cominciano a trovare in rete ancher di seconda mano, in genere a 60 celle (quelli a 36 o 72 costano molto di più per via degli usi "specifici" a cui sono destinati), di recupero da impianti con scambio alla rete dismessi. Con un po' d'accortezza si possono trovare in ottimo stato, oppure nuovi come fondo di magazzino per rinnovo dei modelli alla produzione. In questo caso è facile poterne mettere qualcuno in più e sopperire al periodo invernale, specialmente se punti all'indipendenza totale in un futuro più o meno prossimo.
Quanti te ne servono? Questo sito qui può aiutarti a calcolare quanti debbano essere in base alla potenza necessaria: http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps4/ ... map=europe in base all'inclinazione e al posto dove stai.
Se hai un buon tetto esposto a sud potrebbe bastare anche quello, e quanto a mettersi a costruire un marchingegno che ne cambi l'inclinazione in base alla stagione, può essere una seccatura (anche la manovra stagionale) e una spesa notevole in più.
Prima di partire dovresti avere l'accortezza di quantizzare al meglio i consumi sia medi che possibilmente di picco all'interno della casa, altrimenti rischi di fare spese inutili. Poi decidere quanta percentuale di questi consumi alimentare col fotovoltaico. Se già non ce l'hai un Volt-Amperometro-Wattmetro, anche economico e cinese, può andare benissimo.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
gag64
Messaggi: 6
Iscritto il: 18 dic 2018, 20:26

Re: quale pannello amorfo?

Messaggio da gag64 » 30 dic 2018, 20:40

Allora..andiamo con ordine:innanzitutto ho 2 banchi di batterie sonnesnschein A602/300 eA602/200.ora non sono mai in parallelo ma gestiti in modo alternato tramite teleruttori.
inoltre ho un altro banco da 300 A in cui purtroppo mi è partito un elemento.
Vale la pena sostituirlo,o rischio una durata breve?
Le batterie ..."erano" nuove.... diciamo che ora sono rodate ma in buone condizioni.
Il consumo che vorrei tenere sotto batterie(frigo*impianto riscaldamento+videosorveglianza/antifurto+TUTTE le luci interne ed esterne ammonta a circa 3,7 A.teniamo presente che tutte le luci non saranno mai accese e il riscaldamento va a pieno regime circa 6h/giorno.
Non posso installare i pannelli a tetto in quanto non ho ne spazio ne orientamento ottimale,ma realizzare una struttura a terra non dovrebbe essere un grosso problema.
Poi parliamo dei pannelli in quanto non ho nessuna competenza specie per comprare usato...penso sia giusto cercare,tramite i vostri consigli,nei fondi di magazzino..
A presto e ancora auguri a tutti da Zena!!

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7379
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: quale pannello amorfo?

Messaggio da maxlinux2000 » 1 gen 2019, 15:26

ciao, per fare due conti più esatti servirebbe conoscere quanti kWh consumi al giorno (o al bimestre) Una occhiata alla bolle dell'enel ti toglie dai dubbi.

CMQ la scelta dei pannelli dipende anche dal tipo di regolatore solare che usi e il voltaggio.

Suppenendio che tu abbia un inverter ibrido da 24V 3000VA e regolatore PWM, allora devi usare pannelli da 72 celle mono o policristallini.
Se invece hai un regolatore mppt, allora puoi mettere 2 pannelli da 60celle in serie (e arrivare attorno ai 70Volt) e poi il regolatore mppt abbassa la tensione a livelli corretti, automaticamente.

Per i pannelli amorfi non ci sono grossi problemi a parte la pecunia.... occupano il doppio di spazio (e quindi la struttura costa il doppio a pari potenza) e poi hai bisogno si o si di un regolatore mppt ad alto voltaggio (150V) tipo un midnite 150/96 (sui 7-800€). CMQ il mondo dei pannelli è in costante cambio e quindi potrerbbero esserci delle novità sul voltaggio.... ma in ogni caso i rendimenti per metro² sono la metà dei mono/policristallini.

Se hai un regolatore normale (pwm) dovrai usare pannelli tipo questi:
https://www.rebacas.com/paneles-solares ... tersa.html

Se invece hai un regolatore mppt puoi usare pannelli da 60celle tipo questi
https://www.rebacas.com/paneles-solares ... solar.html

Dovendo probabilmente mettere i pannelli con una bassa inclinazione di 10º (l'ideale sarebbe 35º) dovrai mettere più pannelli per compensare.

Supponendo un consumo diario di 5kW, potresti mettere 16 pannelli da 300W che occupano circa 25m²

Con una inclinazione di 35º te ne basterebbero 10 o 12.

ciao
MaX
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
gag64
Messaggi: 6
Iscritto il: 18 dic 2018, 20:26

Re: quale pannello amorfo?

Messaggio da gag64 » 1 gen 2019, 19:29

andiamo avanti...
Grazie Max del tuo consiglio..
in effetti ho un regolatore ibrido 3000 va 24 v mppt.
dalla ultima bolletta si rilevano circa 100kw /mese di consumo.
Ovviamente in questi mesi non ho fatto uso di elettro utensili vari..
Come vedi se da questi consumi detraiamo anche il forno,la lavatrice(usa acqua calda scaldata dalla caldaia o dai pannelli solari) e autoclave,il consumo giornaliero si riduce ulteriromente. e quello a me basterebbe autoprodurre,tanto per dare un senso a tutto l'impianto,che come ho scritto,ha lo scopo principale di funzionare ad isola ,nei casi di disservizi della rete ENEl causati da eventi atmosferici,dato che mi trovo in una zona molto isolata nonchè unico utente...
A presto

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7379
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: quale pannello amorfo?

Messaggio da maxlinux2000 » 1 gen 2019, 22:06

allora, facendo due conti con il foglio di calcolo e ipotizzando che:

1) Non stai mai isolato per più di 1 giorno senza sole
2) in caso di isolamento dall'enel e nuvolo, puoi eventualmente usare un generatore a benzina/diesel/gas per le emergenze e caricare le batterie in 5-6 ore
3) Consumi non più di 3kWh al giorno
4) il tuo banco batterie è da 250Ah di media (infatti ne hai 2)

...allora ti bastano 1100Wp di pannelli da 60celle... per esempio 4 pannelli da 285Wp - 60 celle.
Li colleghi in serie da 2 e poi in parallelo in modo da arrivare attorno ai 70V
(occhio alla corrente continua... 70V non sono molti per un uomo, ma possono fare danni alle mani in certi casi)

Se l'inclinazione o l'esposizione non è l'ideale, aumenta i pannelli ma attenzione al massimo ammissibile dal tuo ibrido.
Al limite puoi aggiungere pannelli in un secondo tempo usando un regolatore mppt extra collegato direttamente alle battterie.

Attento alle ombre soprattutto in inverno.

ciao
MaX
Cogito, ergo NO SUV !!

Rispondi

Torna a “Solare fotovoltaico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti