Dubbio su implementazione impianto domestico

Moderatore: fede1984

Rispondi
Avatar utente
gothic3
Messaggi: 2
Iscritto il: 13 mag 2020, 0:01

Dubbio su implementazione impianto domestico

Messaggio da gothic3 » 13 mag 2020, 0:12

Ciao a tutti,

ho dei dubbi riguardo questo schema dell'impianto domestico che mi sta realizzando mio suocero e, dato che sono per la pace in famiglia, vorrei capire se va bene così o, in caso ci fosse qualcosa da correggere/migliorare, vorrei farlo con "delicatezza" ma a ragion veduta :D

Potreste darmi una mano, per favore?
Grazie mille. ;)

https://imgur.com/ayOfD02

Avatar utente
Alain
Messaggi: 400
Iscritto il: 16 set 2015, 8:47
Località: prov. di MN

Re: Dubbio su implementazione impianto domestico

Messaggio da Alain » 13 mag 2020, 12:50

Prova a dettagliare quali sono i tuoi dubbi.
Tuo suocero è elettricista di professione?

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7903
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Dubbio su implementazione impianto domestico

Messaggio da Ferrobattuto » 13 mag 2020, 13:28

Secondo me ci sono un po' troppi interruttori, sia magnetotermici che differenziali. Poi sempre secondo me, che comunque non sono un professionista, mettere un magnetotermico da 40A in serie ad uno da 32 non ha senso, o si mette uno o si mette l'altro. Nel caso di corto o di sovraccarico scatterà sempre quello più debole, l'altro non scatterà mai.
Anche mettere tutti quei differenziali uno per ogni zona della casa mi pare eccessivo. Al limite ne metterei solo due: uno per le prese ed uno per le luci. Quello per le prese da 32A, l'altro per le luci da 25A, questo perché avete un contatore da 6KW.
Posso dirti come ho fatto il mio impianto, poi risultato perfettamente a norma per un contatore da 3KW: Un differenziale generale da 25A in ingresso dal contatore, un magnetotermico da 16A per le prese ed uno da 10A per le luci per ogni vano della casa, in modo che se salta ad esempio quello delle prese di una stanza il resto della casa ha luce e corrente.
La casa ha due stanze, un saloncino, un bagno con vestibolo e una cucina. Con un quadretto generale da 12 posti ho realizzato tutto.
1 differenziale generale da 25A, 5 magnetotermici da 16A, 5 da 10A e un interruttore per la pompa dell'acqua in cantina.
I cavi come pensa di metterli tuo suocero? Io per le prese ho usato il 4mm² e per le luci il 2,5mm². Più spessi nei morsetti delle prese non ci vanno, per cui non serve, poi qualcuno mi ha detto che ho esagerato, ma in questo modo posso prelevare il massimo della corrente del contatore da ogni presa di casa senza timore di surriscaldamenti.
Questa dei cavi è una cosa ai quali nessuno da peso, mentre spesso e volentieri sono più importanti dei tanti interruttori che si installano.
L'impianto stà funzionando ormai da anni e non ha mai dato problemi.
Non so se tuo suocero è del mestiere, ma se non lo è forse sarebbe il caso di consultare un buon elettricista.
Se è del mestiere o un tecnico della materia...... Allora alzo le mani.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Arabongolo
Messaggi: 197
Iscritto il: 2 gen 2015, 22:04
Contatta:

Re: Dubbio su implementazione impianto domestico

Messaggio da Arabongolo » 15 mag 2020, 22:22

Ciao, vorrei partire chiarendo una cosa: il C40 messo sotto il contatore quasi sicuramente è per protezione della linea montante da cortocircuito (infatti è un 6kA), il C32 nel quadro è per la protezione da sovraccarico della linea. E' cosa buona e giusta (e a norma), infatti per utenze residenziali va considerata come massima corrente di cortocircuito al contatore 6kA. Se non ci fosse il C40 e andasse in corto la linea montante, sarebbe un disastro (per normativa, non si deve fare affidamento sulle protezioni del contatore).
Se addirittura la linea montante non fosse a doppio isolamento, servirebbe anche una protezione dai contatti indiretti fin da sotto il contatore.
Trasformatore e campanello non li metterei subito dopo il C32, ma dopo un differenziale. Tutto l'impianto così resta protetto dai contatti indiretti e dispersioni verso terra.
Per il resto devo capire un attimo: quanto è grande la casa? Hai un sacco di quadretti in giro.
In base alla dimensione della casa e del livello ricercato dell'impianto elettrico la CEI64-8 fissa dei paletti.
Immagino sia installatore certificato, vero?
Comunque la continuità di servizio non è proprio ottimale, diciamo che io non lo avrei strutturato proprio così.
Sembra comunque fatto da qualcuno che la 64-8 la conosce.
Chi non risica, non rosica! Chi non compra e non vende, non sale e non scende!
L'acqua... fa ruggine!
Ah, dimenticavo : "Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato, nella mia proprietà, per studio e/o hobby"

Rispondi

Torna a “Impianti elettrici civili e industriali”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti