Impianto ad isola con pannello 150 W richiesta INFO

Moderatore: maxlinux2000

Rispondi
Avatar utente
arperbruce
Messaggi: 3
Iscritto il: 18 mag 2020, 12:28

Impianto ad isola con pannello 150 W richiesta INFO

Messaggio da arperbruce » 18 mag 2020, 12:31

Buongiorno mi chiamo Mauro e sto cercando di costruire il mio primo impianto fotovoltaico e vorrei chiedervi un piccolo aiuto per la realizzazione di un piccolo impianto ad isola con accumulo a batteria. I componenti che possiedo sono:

- Pannello fotovoltaico Potenza Nominale (W) 150 Tensione (V) 12 Tensione a punto massimo (Vmp) 17.6V Tensione a circuito aperto (Voc) 21.9V Corrente a corto circuito (Isc) 9.2° Corrente a punto massimo (Imp) 8.52° Cella Policristallino
- Regolatore di carica SolaMr 50A Regolatore di Carica Solare 12V/24V Regolatore Intelligente con Display LCD e Doppia Porta USB per Batteria Pannello Solare - 50A
- Batteria Green Cell® Batteria Lead Acid AGM Al Piombo Ricaricabile (12V 90Ah VRLA B5 M6 Bolt)
- Inverter da 150 W
Il tutto mi serve per alimentare una pompa da piscina 220V 45 W per 4-6 ore al giorno.
Appurato che i componenti principali li possiedo vorrei capire il modo migliore per realizzare l’impianto a regola d’arte cioè utilizzare le giuste sezioni di cavi e protezioni. Pensavo che come cavi dovrei utilizzare da 4mm2, inserire un Interruttore magnetotermico DC 25A / 40A 2P 250V Bassa Tensione per Sistema a Pannelli solari(25A) tra i pannelli e il regolatore di carica, un fusibile (ma non so quale) tra il regolatore di carica e la batteria, e un salvavita (ma non so quale) tra l’inverter e la pompa.

Avete consigli in merito??? Grazie.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7903
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Impianto ad isola con pannello 150 W richiesta INFO

Messaggio da Ferrobattuto » 18 mag 2020, 13:52

Descrizione molto precisa del materiale che hai, molto bene.

In teroria se la pompa è da soli 45W e la usi a cavallo di mezzogiorno (la una con l'ora solare) e col tempo buono, potrebbe bastarti il pannello che hai, col tempo cattivo o in altri orari ovviamente scarichi la batteria.
Tra il pannello e il regolatore non serve inserire niente, al limite un interruttore qualsiasi per staccarlo nel caso che di giorno e col sole dovessi farci qualche lavoro di sistemazione, tanto il pannello più di 9A anche in corto non può darti, per cui proprio un magnetotermico non servirebbe a niente, spesa inutile. Stessa cosa tra il regolatore e la batteria, che tra l'altro se si interrompe il collegamento tra loro due mentre i pannelli sono ancora soleggiati il regolatore potrebbe guastarsi. Semmai un semplice fusibile servirebbe tra inverter e batteria, al massimo da 20 o 25A, anche uno di quelli da auto a lamelle, nel caso di guasto o cortocircuito dell'inverter.
Se la 220V alternata che esce dall'inverter non viene collegata a terra il salvavita non serve a niente neanche lui, anche qui basterebbe un fusibile nel caso che la pompa vada in corto. Con l'inverter da 150W sul lato 220V 1A è più che sufficiente.

Ricapitolando: Pannello da 150W - normalissimo interruttore da 10 o al massimo da 16A - regolatore - batteria - fusibile a 12V 20A - (qui puoi inserire un altro interruttore da 16A per spegnere l'inverter e non consumare la batteria quando la pompa non lavora) - inverter - fusibile 1A - pompa da 45W.

L'inverter va montato più vicino possibile alla batteria, anche con cavi di un metro sarebbe meglio se fossero da 6mm², oppure due paia accoppiate da 4mm². Anche il regolatore va montato il più vicino possibile alla batteria, li i 4mm² vanno bene.
Per quel che riguarda la sezione dei cavi tra il pannello e il regolatore, dipende dalla distanza. Se c'è qualche metro anche li il 4mm² va bene, ma se il pannello strà al terzo piano e il regolatore in giardino, allora conviene abbondare......

L'impianto così come lo hai prospettato è un impiantino piccolissimo, inutile spenderci soldi in attrezzature costose e dedicate, non migliora la resa, anzi, qualsiasi cosa inserisci in più nella serie la diminuisce. Anche la batteria sarebbe stata la stessa cosa se fosse stata una normale batteria per auto non agm, da poter rabboccare quando scende il livello dell'acqua dentro. Le AGM purtroppo col tempo si asciugano e si buttano. Comunque se ben usata anche quella qualche anno dovrebbe durare.
Spero di essere stato chiaro, altrimenti chiedi.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
arperbruce
Messaggi: 3
Iscritto il: 18 mag 2020, 12:28

Re: Impianto ad isola con pannello 150 W richiesta INFO

Messaggio da arperbruce » 18 mag 2020, 14:09

Grazie mille per la velocissima risposta. Ti faccio un'altra domanda, io avevo pensato di collegare l''inverter non alla batteria ma dall'uscita del regolatore di carica inserendo tra loro un Timer con queste caratteristiche:
Ingresso: DC 12 V.
Uscita: 200 - 250 VAC 50/60 Hz.
HP 125VAC, 2 CV 250VAC.
Timer digitale elettronico con programmi giornalieri, ripete programmi con 17 impostazioni on/off.
Potenza assorbita: 2 VA (massimo). Countdown: da 1 secondo a 99 minuti e 56 secondi.
in modo da regolare quante ore al giorno voglio che stia accesa, secondo te funziona bene?
Naturalmente aggiungendo i fusibili da te consigliati. Quello tra inverter e pompa da 1 Amper ho capito bene?

Grazie ancora

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7903
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Impianto ad isola con pannello 150 W richiesta INFO

Messaggio da Ferrobattuto » 18 mag 2020, 20:19

L'inverter conviene sempre che sia collegato direttamente alla batteria. Non so se intendevi usare l'uscita secondaria del caricabatterie, ma non conviene. Meno roba c'è in mezzo e meno guasti si possono verificare.

Se la pompa è da 45W a 220V, il consumo sarà così: 45W : 220V = 0,2A (circa), per cui un fusibile da 1A è ampiamente sovradimensionato, ne basterebbe anche uno da 0,5A. Quello stà li per il caso che la pompa vada in corto o si verifichi un guasto qualsiasi, per non bruciare l'uscita dell'inverter.

Se il timer funziona a 12V la sua corrente assorbita sarà: 2 : 12 = 0,1666A che anche se consuma sulle 24 ore giornaliere (è sempre attaccato, no?) non rischia di scaricare la batteria.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
arperbruce
Messaggi: 3
Iscritto il: 18 mag 2020, 12:28

Re: Impianto ad isola con pannello 150 W richiesta INFO

Messaggio da arperbruce » 19 mag 2020, 8:45

Si il Timer rimarrà sempre attaccato e mi avvierà l'inverter per 5 o 6 ore al giorno. Pensavo di collegare l'inverter all'uscita del regolatore di carica perché almeno nel caso in cui si scarichi troppo la batteria il regolatore toglie il carico.
Non riesco a trovare portafusibili per cavi da 4 mm2 o 6 mm2.

Grazie ancora per il tempo che dedichi a darmi suggerimenti.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7903
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Impianto ad isola con pannello 150 W richiesta INFO

Messaggio da Ferrobattuto » 19 mag 2020, 13:07

Per il portafusibili hai provato dagli autoricambisti? Tanto è per i 12V.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer

Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Rispondi

Torna a “Solare fotovoltaico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti